Cari Colleghi,

Pubblicato: giugno 17, 2009 da checco76 in Uncategorized

team

In tutta onesta’ intellettuale Vi diro’ che di Voi, a parte rarissimi casi, non me ne frega nulla. Ci tengo a sottolinearlo. Ci tengo a dirVi che senza ombra di dubbio, se potessi, trascorrerei meglio le mie giornate altrove e in ben piu’ piacevoli compagnie.

Sappiate, pertanto, che se mi accorgo di un problema, lo porto alla Vostra attenzione non per aiutarVi ne’ per farVi notare un errore o una mancanza. Lo faccio esclusivamente perche’ mi pagano per farlo. Vi assicuro che, se non mi pagassero per farlo, non lo farei. Lo faccio perche’ in ogni caso, che il problema sia Vostro o mio, prima o poi mi sfiorera’ dal momento che lavoriamo per la stessa societa’. Magari apparteniamo a dipartimenti diversi, ma Vi ricordo che alla fine del mese chi ci paga e’ lo stesso soggetto giuridico.

Vi pregherei, quindi, di porre l’attenzione sul fatto che almeno nel mio caso – ma forse riflettete   tutto su Voi stessi – se vengo a dirVi che qualcosa non torna, non e’ mia intenzione incolpare ne’ responsabilizzare qualcuno.

Il prossimo capo che mi parla di “lavoro in team”, giuro, lo defenestro!

In fede.

F.R.

P.S.: Aspettate che finisca il periodo di prova e poi qualche “vaffanXXXX” lo indirizzo…

Annunci
commenti
  1. Skyler ha detto:

    Come si lavorerebbe bene se tutti la pensassero come te… Tieni duro, che le innovazioni hanno bisogno di tempo per affermarsi, soprattuto in un Paese come il nostro.

    Tu ragioni in modo pragmatico e concreto perchè dove lavoravi prima non potevate permettervi di perdere tempo ed energie. La realtà in cui lavori adesso è diversa. E’ una realtà molto più grande e complessa che ha le sue tradizioni e le sue “abitudini” che sono lente a cambiare.

    Per fortuna però la grandezza dell’azienda permette anche di avere più mezzi (economici e di persone) a disposizione di conseguenza anche un margine di miglioramento e di impatto più ampi. Q

    Quindi: sangue freddo e pazienza. La tradizione è un fondamento necessario e un punto di partenza, ma solo il nuovo può cambiare il corso della storia.

  2. keope ha detto:

    Caro Checco, se posso, aggiungerei alla fatidica frase “lavoro in team” anche concetti quali “siamo una squadra” e “condivisione”…
    Ma condivisione di che?????????
    Alla prossima cena -se ci sarai- parliamone…forse puoi darmi qualche dritta su come affrontare il cambiamento e i nuovi capi…;)

  3. loranablog ha detto:

    se avessi le palle spediresti il link di questo post ai tuoi colleghi 🙂

  4. checco76 ha detto:

    @Keope:
    Volentieri… Prima, pero’, dammmi tempo di capire i miei!!! 😀

    @Loranablog:
    Attendo di finire il periodo di prova! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...