Archivio per settembre, 2011


Non si permetta Vittorio Sgarbi di paragonare Pier Paolo Pasolini a Silvio Berlusconi. I due nomi non dovrebbero nemmeno essere usati nella stessa frase e non certo per disagio dell’attuale Presidente del Consiglio!

(altro…)


Non mi capita spesso di andare a Messa, ma la scorsa Domenica ho ascoltato il seguente brano del Vangelo in cui Gesù Cristo pone una domanda ai principi dei sacerdoti ed agli anziani del popolo:

(altro…)


La mia signora in quel di Mosca per lavoro.

Stanchezza cronica che non permette di sfoderare un minimo di fantasia culinaria.

Dovrei anche lavorare su un paio di cosette.

Tutto ciò ha una sola logica conseguenza: Pizza a domicilio e birra…

Poi… il meritato riposo!!!

SONNO!!!

Il PIL E L’Isola Di Pasqua

Pubblicato: settembre 26, 2011 da checco76 in Attualità, Economia, Politica
Tag:, , , , ,

Non sono un economista, ne’ un sociologo, ne’ un antropologo, pero’ penso di essere in grado di indurre dal particolare al generale.

Sull’isola di Pasqua si e’ consumata una esemplare vicenda; la popolazione locale ha esaurito le risorse naturali e per tale motivo e’ scomparsa. In realtà ha esaurito le risorse in modo abbastanza stupido.

Erano abituati a costruire enormi statue (MOAI) per ingraziarsi la benevolenza degli dei. La costruzione di tali enormi statue, pero’, comportava una enorme devastazione della natura circostante. E tanto più aumentava la carestia, tanti più MOAI venivano costruiti. Geniale, eh?

Morale: dei contentissimi ed abitanti di Pasqua tutti morti di fame.

Ora… Le risorse terrestri sono finite e, nonostante ciò, l’unico modello che abbiamo di sviluppo (e, ahimè, anche di progresso) e’ crescere continuamente il PIL. Produrre, produrre e produrre! La ricchezza di un paese si misura sommando i suoi consumi. Da niente se ciò porterà alla carestia (inevitabile per logica se le risorse sono finite).

Non scrivo nulla di nuovo, lo so… Ma siccome questo e’ il mio Blog e penso spesso al fatto che il PIL non misura proprio un bel niente, avevo voglia di scriverlo (…”scritto sopra un metro un po’ stantio, ma intanto questo e’ mio”…). E poi sono noiosamente in viaggio sul tram, dovrò pur occupare il tempo!!!


Con una nota il Ministero dell’Istruzione sottolinea che l’Italia ha contribuito con 45 milioni di euro alla costruzione del Tunnel tra Ginevra ed il Gran Sasso.

Ovviamente non esiste nessun tunnel tra i due luoghi. Se vi fosse, probabilmente, la promessa del milione di nuovi posti di lavoro non solo sarebbe stata mantenuta, ma addirittura superata. Tra Ginevra ed il Gran Sasso ci sono oltre 700km!!!!!

A parte il fatto che sono sicuro che al ministero in questione non ci sia nessuno (ministro Gelmini in primis) che abbia la benché minima idea di ciò che significhi velocità della luce, mi chiedo: ma perché scrivere stupidate? Meglio il silenzio, no?

Cara Ministro Gelmini, dato che non ha idea di ciò che viene studiato al CERN (e temo anche in molte università italiane) e visto che già un tunnel le ha portato male, eviti di scrivere cavolate, ridurrà la probabilità di soffrire di “Tunnel Carpale”!

No, mi creda, per quello non servono finanziamenti…

Pensieri

Pubblicato: settembre 23, 2011 da checco76 in Pensieri, Societa', Viaggi, Vita Quotidiana
Tag:, , , , ,

Più ci penso e più mi chiedo chi me lo faccia fare a rimanere in Italia…

Tolti i legami affettivi, credo nulla.

Il lavoro che faccio all’estero e’ pagato quasi il doppio.
All’estero i servizi sono migliori (mi ricordo ancora l’esperienza svedese).
I trasporti pubblici sono migliori e spesso non serve neppure l’auto
Le scuole sono migliori

Il cibo… Ecco forse uno dei pochi motivi…

Che tristezza…


Ieri sera con degli amici chiacchieravamo amabilmente dell’attuale situazione economica. Abbiamo sviscerato, con articolati e complessi ragionamenti, tutti i possibili scenari, abbiamo analizzato le possibili conseguenze, e poi… E poi ci e’ venuto un dubbio.

Che cavolo significa che lo stato italiano potrebbe fallire? C’e’ qualche economista che sappia spiegare gli effetti pratici del fallimento a chi come me di economia non capisce una beata fava, pur millantando dopo due birre inesistenti competenze????

Grazie mille!!!