Il Movimento 5 Stelle Prenderà Un Sacco Di Voti, I Partiti Si Leccheranno Le Ferite (Forse…)

Pubblicato: aprile 21, 2012 da checco76 in Attualità, Crisi Economica, Cronaca, Impegno Civile, Italia, Manovra Economica, Politica, Politici Italiani, Societa', Sondaggi, Vita Quotidiana
Tag:, , , , , , , , , , , , ,

Ho visto l’ultima puntata di “Piazza Pulita”; i temi trattati erano l’anti-politica, Il Movimento 5 Stelle, Beppe Grillo, la crisi (ovviamente), il Trota, la Lega Nord, etc. etc.

In particolare si è discusso molto di Grillo (molto poco in realtà dell Movimento 5 Stelle) e mi pare che l’attuale classe politica, come ormai capita troppo spesso da 20 anni a questa parte, non abbia capito il motivo fondamentale che porta molti a pensare di votare per il Movimento 5 Stelle.

Gli attuali leader (ABC, ma continuerei fino alla Z) non hanno capito che le persone non sono stanche dei partiti, non ce l’hanno con l’istituzione partito, ce l’hanno con le persone che dirigono i partiti. La gente non è stanca di sentire discorsi, è stanca delle voci e delle facce che quei discorsi pronunciano.

E la gente è stanca perché da quelle voci e da quelle facce ha sentito dire tutto ed il contrario di tutto!

Persino Monti, che é stato chiamato a fare il boia dello stato sociale dato che la classe politica non ha la credibilità e l’interesse a farlo, sta più simpatico alla gente rispetto a “quelli che c’erano prima”!

Grillo ha la funzione di raccogliere il malcontento e di mandare a casa un paio di generazioni di incapaci gestori della cosa pubblica. Non ha soluzioni, forse ha utopie, ma è proprio ciò che la gente vuole per riavvicinarsi alla politica: idee nuove, visioni e progetti a lungo respiro.

Chi non è tifoso e vota Movimento 5 Stelle in cuor suo vuole sperare che ciò serva come grimaldello per scardinare le gerarchie dei partiti e lasciare che vi sia spazio per facce nuove e nuove idee.

La miglior sintesi di quanto sopra l’ha fatta il vice direttore de “La Stampa”, Massimo Gramellini, ieri sera durante “Che Tempo Che Fa”; Gramellini ha fatto notare come “in Francia i partiti si chiamano allo stesso modo da tempo immemorabile, ed i candidati cambiano da elezione ad elezione; in Italia, invece, i candidati sono sempre gli stessi, ciò che cambia sono i nomi dei partiti”.

Annunci
commenti
  1. alberta ha detto:

    affinche’ tutto cambi e’ necessario che tutto rimanga com’e’-

    Ma si puo’ fare di piu’ rispetto a Grillo. Perche’ non ci provate? 😉

  2. carlet ha detto:

    Bisognerebbe capire quale scopo ha Monti. Prendendo spunto dall’ultima puntata di “report” possibile che il presidente europeo(qualche anno fà) della trilaterale(che decide il destino economico e non solo del mondo)sia dalla parte del popolo?E’ perlomeno interessante notare che i partiti(per la prima volta TUTTI)hanno toccato una impopolarità pazzesca. E’ un caso? E’ funzionale a Monti?E’ tutta una manovra per lasciare questi tecnici al governo ancora un pò?Tolte le stupidate dei giornali il 5 stelle non credo faccia paura a nessuno, al massimo potrà dare un pò di prurito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...