Archivio per la categoria ‘Crisi’


Abito a Rozzano, ridente comune a Sud di Milano. A dire il vero non si capisce cos’abbia da ridere dal momento che se ne parla solo per persone scomparse, fallimenti di municipalizzate, presepi più o meno mancati.

In fondo, però, se si escludono le zanzare io a Rozzano ci sto bene. Almeno per adesso. Potrei starci meglio? Hai voglia! Soprattutto se completassero il prolungamento della linea tranviaria 15, che da piazza Fontana termina attualmente (per chi è pratico della zona) in prossimità della Torre della Telecom.

(altro…)


Come mai l’anti europeismo trova terreno fertile? Io credo perché l’Europa viene da molti percepita come un nemico. E chi la dipinge come tale? Senza riflettere verrebbe da rispondere che a definire l’Europa come la causa di ogni male sono gli Antieuroperisti, ma, così facendo, temo si confonderebbe la causa con l’effetto.

Qualcuno ha mai fatto caso che dai governi degli ultimi anni tutti i prelievi fiscali erano causati dal fatto che “ce lo chiedeva l’Europa”?
L’ultimo in ordine di tempo è stato l’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie. “Serve ad allinearci all’Europa” dicono. Il che è vero, ma perché allora non ci allineiamo anche ai salari medi europei? Oppure alla tassazione media europea?

È presto detto. L’Europa non c’entra nulla, è la nostra classe dirigente (politica e non) che, per giustificare la propria incapacità, utilizza l’Europa come capro espiatorio.

Difendere l’Unione Europea per questa gente non significa difendere un grande progetto di pace e unione dei popoli, significa semplicemente salvare il proprio paracadute…

Vi rimando al seguente link e ditemi se non vorreste un adeguamento all’Europa… Altro che 80 euro!

STIPENDIO MEDIO EUROPEO


On. Boccia, Lei che voleva far pagare le tasse a Google, Apple, etc., perchè non grida e fa pagare le tasse in Italia anche alla FIAT ora che ha sede fiscale in GB????

Dai, sù, un po’ di coerenza!!!


Ho sviluppato una discreta simpatia per il ministro Saccomanni; non perché sia una persona di piacevole compagnia (non lo conosco), ma perché ha detto l’unica cosa seria degli ultimi anni:”è ora che gli italiani sappiano la verità sui conti pubblici”.

Dopo questa frase lo hanno riempito di insulti. In ultimo un esponente del PD (non ricordo quale) ha detto che all’economia ci vuole un politico. Mi viene da pensare che Saccomanni sia troppo pratico. Se così fosse allora mi sta simpatico.

Sì, perché nessuno dice esattamente come stanno le cose… E guardando la difficoltà di reperire cifre che per uno stato come era l’Italia dovrebbero essere irrisorie, s’intuisce che le cose stanno messe molto, molto male…


Ascolto a destra e a manca una serie di parole vuote. Analisi, interpretazioni, giudizi. Una quantità enorme di parole per un semplice concetto: l’Italia è stata fatta fallire da una classe dirigente che, oltre ad essere incapace, ha avuto come unica guida il proprio interesse o l’interesse della propria categoria.

Quindi ci troviamo nella situazione in cui siamo e le persone, che sono molto meno stupide di quanto si pensi (o almeno di quanto pensassi io), se ne sono rese conto, hanno ben chiare le ragioni, conoscono perfettamente i colpevoli. A questi ultimi chiedono di andarsene.

I Porconi (alla Orwell intendo), quelli per i quali la legge è più uguale, invece si arroccano nelle loro belle torri e cercano in ogni modo di resistere. Parlano di cambiamento, ma usano questa parola solo per esorcizzarla.

I conniventi sono i giornalisti che in Italia sono l’espressione della classe dirigente e non un potere che la limita e controlla…

Troppo semplice? Forse, ma purtroppo credo ancora nel principio di causa-effetto…


L’Italia è oramai allo sfascio. Ciò che più mi sconvolge, però, è come sia possibile che gli italiani diano ancora credito a coloro che sono stati la causa della situazione in cui si trovano?

Siamo così fessi?

Ma fessi forte !


A me il governo Letta non è mai piaciuto. Ma ciò che sta succedendo e il vero motivo per cui succede non è assolutamente inaccettabile!!!

Cos’altro deve succedere perché si scenda in piazza?!?!? Tutti, al di là del colore.

Ma stiamo scherzando? Una nazione, che si definisce democratica, ammette che gli interessi di un singolo la facciano precipitare in un baratro???

Basta!