Archivio per la categoria ‘Protesta’

Il TAV e CAVOUR

Pubblicato: ottobre 15, 2015 da checco76 in Attualità, Cronaca, Economy, Europa, Italia, Job, No-Tav, Pensieri, Protesta, Societa'
Tag:, , , ,

Personalmente non ho ancora ben capito chi abbia ragione nella vicenda TAV; non trovo, infatti, fonti imparziali che diano dati e non l’elaborazione di dati. Qualche tempo fa, però, ho sentito alla radio l’intervista a un dirigente del progetto.

Il suddetto con enfasi spiegava come i tunnel in uso attualmente siano stati la geniale intuizione di Cavour che, di fronte al progresso tecnologico dell’epoca, intravide la necessità di costruire collegamenti per la circolazione delle merci e delle persone. Così il traforo in Val di Susa rappresenterebbe la continuazione del pensiero illuminato dello statista…

Il discorso è molto scenico, emozionale e corrisponde a uno schema preciso delle tecniche della comunicazione: citare personaggi noti a tutti, sottolinearne il genio e la grandezza, creare una connessione tra la loro azione e l’azione contemporanea.

Una volta ascoltate queste parole l’idea che mi sono fatto è che hanno ragione i NO-TAV. 

Pensare che le infrastrutture richieste dallo sviluppo tecnologico odierno possano essere uguali a quelle richieste ai tempi di Cavour equivale a:

  1. Negare il progresso tecnologico;
  2. Non avere la minima idea delle tecnologie disponibili.

Mi ricorda molto il tunnel dal CERN al Gran Sasso: “‘sti neutrini dovranno pur passare da qualche parte…”

Purtroppo non trovo su Internet il pezzo in cui il giovane (almeno dalla voce) dirigente fa il suo pistolotto, altrimenti avrei messo il link…

Annunci

E poi, come sempre nel recente passato quando si stava per concretizzare un movimento di masse su temi etici, non mi stupirebbe se ci fosse un attentato o qualcosa di simile…

Così un bel patriot act ritagliato ad Hoc per l’occasione metterà tutto a posto, comprese le velleità di giustizia sociale di un continente…


Votate no per dare un mandato forte al Vostro primo ministro.

Votate no per dire che è necessaria una soluzione definitiva.

Votate no per non essere ostaggio dì nessuno.

Votate no perché forse qualcuno si svegli.

Votate no per affermare la vostra sovranità.

Votate no perché le soluzioni che vi hanno fino a oggi imposto sono state tutte sbagliate.

Vi sono altri 100 motivi. 


Se fosse stato Berlusconi a proporre (non dico a fare) la riforma della costituzione così come la stanno facendo, in molti si sarebbero (giustamente) strappati le vesti.

Oggi qualcuno di quei molti tace, altri addirittura applaudono.

Brutta cosa non avere colonna vertebrale…


Come mai l’anti europeismo trova terreno fertile? Io credo perché l’Europa viene da molti percepita come un nemico. E chi la dipinge come tale? Senza riflettere verrebbe da rispondere che a definire l’Europa come la causa di ogni male sono gli Antieuroperisti, ma, così facendo, temo si confonderebbe la causa con l’effetto.

Qualcuno ha mai fatto caso che dai governi degli ultimi anni tutti i prelievi fiscali erano causati dal fatto che “ce lo chiedeva l’Europa”?
L’ultimo in ordine di tempo è stato l’aumento dell’imposta sulle rendite finanziarie. “Serve ad allinearci all’Europa” dicono. Il che è vero, ma perché allora non ci allineiamo anche ai salari medi europei? Oppure alla tassazione media europea?

È presto detto. L’Europa non c’entra nulla, è la nostra classe dirigente (politica e non) che, per giustificare la propria incapacità, utilizza l’Europa come capro espiatorio.

Difendere l’Unione Europea per questa gente non significa difendere un grande progetto di pace e unione dei popoli, significa semplicemente salvare il proprio paracadute…

Vi rimando al seguente link e ditemi se non vorreste un adeguamento all’Europa… Altro che 80 euro!

STIPENDIO MEDIO EUROPEO


Un parlamento eletto con una legge incostituzionale, la cui maggioranza ha ottenuto voti sulla base di un’alleanza che non esiste più, con un Presidente del Consiglio che ha sostituito il precedente mai sfiduciato, vuole cambiare l’assetto Costituzionale facendo una legge elettorale decisa con un pregiudicato…
In sintesi quanto sopra è la storia degli ultimi 5 mesi di politica Italiana…

Al di là di un #popoloitalianostaisereno (che non è ben augurante), mi sembra che ci sia ben poco da stare allegri!

Ma nessuno se la sente di scendere in piazza a dire che semplicemente non è accettabile?!?


Dopo quanto è accaduto oggi, mi auguro che la Presidente Boldrini dia le dimissioni.

Perché attuare una norma mai utilizzata prima (la famosa tagliola) per far approvare un decreto sulla rivalutazione del capitale di Banca D’Italia, che darà vantaggi solo alle banche private, mi sembra veramente una enorme porcata anti-democratica! È anche un pericoloso precedente…

La verità è che non c’è più democrazia in questo paese. C’è un governo non votato, un parlamento eletto con una legge illegittima, un Presidente della Repubblica che fa il capo del governo, una legge elettorale imposta da un pregiudicato… Non vado avanti, ma credo che quanto detto sopra basti… Non temo smentite…