Posts contrassegnato dai tag ‘No-TAV’

Il TAV e CAVOUR

Pubblicato: ottobre 15, 2015 da checco76 in Attualità, Cronaca, Economy, Europa, Italia, Job, No-Tav, Pensieri, Protesta, Societa'
Tag:, , , ,

Personalmente non ho ancora ben capito chi abbia ragione nella vicenda TAV; non trovo, infatti, fonti imparziali che diano dati e non l’elaborazione di dati. Qualche tempo fa, però, ho sentito alla radio l’intervista a un dirigente del progetto.

Il suddetto con enfasi spiegava come i tunnel in uso attualmente siano stati la geniale intuizione di Cavour che, di fronte al progresso tecnologico dell’epoca, intravide la necessità di costruire collegamenti per la circolazione delle merci e delle persone. Così il traforo in Val di Susa rappresenterebbe la continuazione del pensiero illuminato dello statista…

Il discorso è molto scenico, emozionale e corrisponde a uno schema preciso delle tecniche della comunicazione: citare personaggi noti a tutti, sottolinearne il genio e la grandezza, creare una connessione tra la loro azione e l’azione contemporanea.

Una volta ascoltate queste parole l’idea che mi sono fatto è che hanno ragione i NO-TAV. 

Pensare che le infrastrutture richieste dallo sviluppo tecnologico odierno possano essere uguali a quelle richieste ai tempi di Cavour equivale a:

  1. Negare il progresso tecnologico;
  2. Non avere la minima idea delle tecnologie disponibili.

Mi ricorda molto il tunnel dal CERN al Gran Sasso: “‘sti neutrini dovranno pur passare da qualche parte…”

Purtroppo non trovo su Internet il pezzo in cui il giovane (almeno dalla voce) dirigente fa il suo pistolotto, altrimenti avrei messo il link…

Annunci

In Italia oramai non si parla d’altro; anche lo spread, la crisi, la disoccupazione hanno dovuto cedere il passo sulle prime pagine dei giornali allo scontro tra i sostenitori  e gli oppositori del corridoio ferroviario tra Italia e Francia.

Personalmente, però, pur dopo aver tentato di trovare notizie ed informazioni in merito e dopo aver ascoltato dibattiti televisivi e radiofonici, non sono ancora in grado di capire le questioni dei Pro-TAV e dei No-TAV.

I primi mi dicono che è un accordo preso con l’Europa (e quindi con noi stessi, per come ragiono io) senza specificare esattamente i motivi per i quali l’Europa vuole (e quindi noi vogliamo) quella tratta ferroviaria. I No-TAV, invece, dicono che l’opera non serve a nulla, senza fornire però, anche in questo caso, dati certi e denunciando possibili infiltrazioni malavitose.

Personalmente non sono nè per il sì, nè per il no. Ho anche alcune opinioni in merito ad entrambe le posizioni, però vorrei chiedere a qualcuno se ne sapesse più di me e potesse spendere qualche minuto per scriverle sul blog e farmi capire un po’ di più…

Grazie a tale anima pia.


Prima i NO-TAV, poi gli studenti contro la riforma Gelmini, poi i pastori sardi, ultima in ordine di tempo la protesta contro la manovra davanti alla camera con lanci di bombe carta da un lato e lacrimogeni dall’altro…

(altro…)